Inizia Flormart 2015: innovazioni e opportunità d’affari in Italia e all’estero per tutti i soggetti della filiera florovivaistica

La fiera florovivaistica b2b numero uno in Italia si svolgerà dal 9 all’11 settembre a PadovaFiere con un programma ricco di contenuti innovativi. Lanciata un’inedita appendice invernale itinerante a gennaio 2016: “Flormart in tour”. Già confermati 50 grandi buyer dall’estero e previsti 2 mila contatti b2b.
Fra gli eventi d’aggiornamento professionale, il forum internazionale ECOtechGREEN, il convegno su “Florovivaismo e fattori meteorologici”, la tavola rotonda sul mercato dei terricci, il convegno di Anbi e Argav sulla fitodepurazione. Poi i premi: “La città per il verde”, Oroflor e Flormagazine, e i debutti di nòva_green sulle innovazioni di prodotto, tecnologie e formule di vendita e del concorso internazionale di architettura del paesaggio Flormart Garden Show. Le dimostrazioni sulle tendenze del gusto floreale di “Master Flower – Autumn Winter Trends”, le esposizioni di designer vegetali e il ritorno dell’area demo «garden motor» “Prove tecniche in campo”. Infine il salone Agrienergy sulle energie rinnovabili e il risparmio energetico, con la presenza di Legambiente.

Una risposta innovativa alle esigenze di ciascuno dei soggetti della filiera florovivaistica e del comparto green. Che sono tanti come le «sfumature del verde», per riprendere l’indovinato titolo della tavola rotonda organizzata da Agrinsieme il 29 luglio nell’area Mipaaf (Ministero delle politiche agricole) a Expo Milano 2015, e comprendono i produttori di fiori, piante ornamentali o da frutto e ortaggi, nonché di accessori per i vivaisti e di serre, gli operatori delle energie rinnovabili applicate all’orto-florovivaismo, gli agronomi, i grossisti e gli importatori ed esportatori di piante e fiori, i garden center, i fioristi e/o fiorai e le loro scuole di formazione, la grande distribuzione, gli architetti paesaggisti e le società di allestimento e gestione di giardini privati o spazi verdi per l’arredo urbano, i giardinieri e i produttori di macchine e attrezzature per la manutenzione del verde, fino all’editoria specializzata cartacea e digitale.

Si presenta così la 66ma edizione di Flormart, lo storico salone internazionale del florovivaismo e del giardinaggio riservato agli operatori del settore che viene organizzato da PadovaFiere, il primo in Italia per qualità e quantità (nonostante qualche fisiologico segno meno negli anni scorsi per la crisi economica), come confermato dai numeri del 2014: 350 espositori e 18 mila visitatori professionali. L’edizione di quest’anno, in programma dal 9 all’11 settembre 2015, è caratterizzata infatti da un profondo ripensamento dei contenuti nel segno dell’innovazione, delle eco-tecnologie e della qualità estetica, sia sul versante florovivaistico in senso stretto che in quello della progettazione e gestione del verde, nella convinzione che siano tre fattori cruciali per la competitività della filiera.

Un ripensamento che ha toccato anche la formula organizzativa, con la creazione, accanto all’edizione principale di settembre, di un’edizione invernale itinerante, chiamata “Flormart in tour”. La quale debutterà nel gennaio del 2016 in Toscana al Mefit, il Mercato Fiori Piante Toscana – città di Pescia, nella provincia di Pistoia, al confine con Lucca, cioè nel cuore di due importanti distretti florovivaistici: quello floricolo pesciatino-viareggino e quello vivaistico ornamentale di Pistoia (il più importante in Europa); e poi toccherà ad anni alternati centri significativi della filiera florovivaistica italiana e promettenti aree di sbocco estere.
Il programma di Flormart 2015 è dunque molto ampio e offre davvero opportunità di aggiornamento e occasioni d’affari a tutti i protagonisti del settore, che, se rilanciato nelle tre direzioni sopra indicate, potrà contribuire in maniera significativa al benessere psicofisico e alla bellezza dei paesaggi, nonché allo sviluppo economico, del nostro Paese, vale a dire alla qualità della vita degli italiani.
Riguardo agli affari e più in particolare sul fronte dei rapporti commerciali con l’estero, Flormart 2015 può contare su 50 grandi buyer stranieri già confermati. Grazie a Padova Promex sono stati individuati 2 operatori per ciascuno dei seguenti Paesi: Germania, Indonesia, Marocco, Polonia, Russia, Svezia. Altri 15 provenienti da Azerbaijan, Gran Bretagna, Francia ed Emirati arabi sono stati acquisiti grazie al supporto di ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese. E’ stata confermata la collaborazione con le camere di commercio italiane all’estero in Svizzera, Tunisia e Turchia, per la selezione di 13 operatori. Altre sinergie sono state messe a punto con Paysalia, salone organizzato a Lione da GL Events, e verrà attivata una promozione congiunta con la fiera internazionale di Tunisi, Kram. In generale sono previsti circa 2 mila contatti b2b da parte degli operatori presenti in fiera.